Inutile dire quanto, in questo periodo invernale, sia fondamentale la cura della nostra bici, vuoi per il fango, per la neve o per la pioggia che, ad ogni uscita, rende il mezzo un disastro.
Sicuramente l’aspetto della pulizia del telaio ma soprattutto della componentistica è importante perchè preserva i materiali ed allunga la vita di ogni singolo pezzo. L’acqua alla lunga corrode e pentra ma l’effetto della terra o sabbia bagnata che “consuma” letteralmente tutto è devastante. Aggiungiamo un particolare non da poco…..l’effetto che fa il fango quando depositiamo la bici in garage senza prendercene cura tornati dalla nostra uscita e cioè che si secca proprio dove non dovrebbe andando a distruggere tenute, o’ring ecc.
Detto ciò qualcuno potrebbe dire, allora lavo tutto e stop, beh non è proprio così e soprattutto come “lavo tutto”.

Prima di scendere in dettaglio sulla metodologia ed alcuni prodotti specifici, vorrei portare alla vostra attenzione il “fattore tempo” inteso proprio come i minuti (che diventano ore a volte) per la pulizia della proprio bici.
Questo lo sottolineo perchè, in base a cosa usiamo per la cura, avremo un risultato molto diverso in fatto di tempo (e quasi sempre a livello di efficacia).

Passiamo allora ad analizzare come noi, al ritorno di ogni nostra uscita in questo periodo (e dopo ogni evento), sistemiamo il nostro mezzo.
(Attenzione che questa attività la possiamo definire “ordinaria” e quindi non sostituisce la manutenzione “straordinaria” dove andiamo a smontare e pulire i vari componenti per una pulizia più accurata).

RCM è dotata di Kit Muc-Off “tutto in uno” (8 in un 1) per la pulizia (che normalmente utilizziamo anche in magazzino) e che comprende:

  • vaschetta che viene svuotata degli attrezzi ed utilizzata come secchio
  • 1 Lt del famoso liquido Biodegradabile Muc-Off per lavare + pompante per lo spruzzo riutilizzabile
  • spugna “rigorosamente” rosa  Muc-Off
  • spazzola triangolare grande con setole morbide e lunghe
  • spazzola triangolare piccola con setole media durezza e corte
  • spazzolino dritto per entrare bene tra i tubi ed angoli stretti
  • spazzolino in plastica rigida con 3 tipi di setole dure + un uncino per eliminare lo sporco, tutto per la pulizia pacco pignoni e zona relativa
  • bike Spray per la protezione contro ruggini e corrosioni

Detto ciò, la nostra azione inizia con il bagnare totalmente la bici per ammorbidire lo sporco, a questo punto andremo a spruzzare il magico “liquido rosa” su telaio e tutti i componenti (ruote e copertoni compresi) e…..attendiamo. Yes, attendiamo 3-5 minuti così che il Bike Cleaner agisca e faccia letteralmente sciogliere lo sporco.

A questo punto possiamo riprendere la canna dell’acqua ed iniziamo a risciacquare tutto aiutandoci dalla spugna, per parti più ampie e non ingrassate, e dalle varie spazzole per lo sporco più duro (ed arrivare nei punti più ostici dove la mano non arriverebbe).
Un ultimo risciacquo generale ed il più è fatto!
E’ impressionante quanto, se si lascia agire il liquido correttamente, sarà facile e veloce togliere anche i blocchi di fango più ostici ecc…..senza utilizzare l’idropulitrice tanto amata!

Ora le 3 attività che mai e poi mai dovete dimenticare:
1) asciugatura, che in realtà è più la rimozione dell’acqua ferma
  → solite accortezze: non soffiare verso le tenute e movimenti, ecc…
2) lubrificazione dei vari meccanismi (trasmissione, cambi e cavi)
  → noi utilizziamo il Wet Lube e Dry Lube Muc-Off in base al periodo e condizioni
   (non compreso nella Kit 8 in 1)
3) stesura di una protezione contro ruggini e corrosioni
  → applicazione del Protettore Muc-Off Spray compreso nel kit
      – essendo “unto”, ovviamente, non va utilizzato su dischi o sugli organi di scorrimento come forcelle ecc.   È molto utile sul telaio perchè aiuta a non far depositare lo sporco.

Calcolate sempre bene di avere il tempo per fare quanto sopra altrimenti è quasi meglio…. non iniziare.

Con questo è tutto, ora andiamo a raidare, al ritorno…ci penserà MUC-OFF!

Fa’ – RCM Staff